,,I piccoli oggi imparano a pescare”

,, RIVANAZZANO TERME. L’Associazione culturale Occasioni di Festa di Rivanazzano Terme oggi propone «Impara a pescare», lezioni di pesca sultorrente Staffora per bambini dai 5 ai 12 anni in collaborazione con la provincia diPavia (settore pesca). Nel territorio della valle Staffora e delle valli limitrofe sono assai numerose le acque di interesse per la pesca turistica, il ritrovo sará a Rivanazzano Terme davanti alla piazzetta della Posta alle 14, dopo di che i bambini verranno condotti allo Staffora accompagnati dai pescatori. Ci sará una merenda offerta dall’Associazione e verranno distribuiti diversi gadget.”

08 maggio 2011

27 maggio 2012

Hare’s-Ear

Hare’s-Ear di ninfa (GRHE) viene utilizzato per rappresenta una vasta gamma di larve di insetti acquatici. E ‘utile per l’acqua naturale per cattura di numerose specie tra cui tra gli altri: trote, temoli, carpa, cavedano e vairone. Il modello è particolarmente bravo a rappresentare le specie più leggeri e colorati di mayfly caddis.

     Per me c’e uno dei primi modelli quale ho legato.  Un tempo era consuetudine imitazione dei miei astucci, mosca sono la pesca con quasi l’intera stagione sia trote e temoli e cavedani. Dopo un tempo, ma i miei modelli di Hare’s Ear, diventano del tutto inefficiente, ottenendo di non utilizzare più. Cosa succede?

Non ricordo che è il motivo per cui hanno imitazione erano sempre più scuro. Qui in Italia, mentre la pesca dalla cavedano, osservando che essi preferiscono pallida imitazione, mi sono ricordato variante orecchio di lepre che si legano amico Ghimi. Il suo modello era in realtà un Hare’s Ear palla d’oro e cerchiaggio fatta di filo giallo al posto di tinsel oro. Questa versione è stata la migliore esca per cavedano del fiume Arges. A partire da questa versione ho creato il mio modello personale (ci sono così tante versioni della Hare’s Ear è difficile dire che si è creato un modello nuovo) che io uso con successo Staffora fiume pesca cavedani.

Ricetta per il mio modello è il seguente:

Amo                    no16                                                                                                                                                                  

Zavorra               sfera in metallo dorato e 3-4 giri di filo di piombo

Filettatura            seta gialla

Coda                   fibre di una piuma di germano

Corpo                  filo grigio al bianco di capelli della maschera di coniglio selvatico, cerchiaggio con tinsel oro

Torace                 hackle di capelli di coniglio

E ‘una buona esca e può essere pescato come un metodo down and across sia upstream.

 

E con dubbing mix di coniglio e kristal flash

KristalFlash

March Brown

March Brown/Ephemeridae                                                                                                       

Amo          no 14-12

Ali             Hackle dal ala  con il marrone di beccaccino o pernice

Corpo       Arancione seta,vestita in dubbing di coniglio capelli dipinto in rosso cerclat e filo d’oro o orpello

Coda        Due fili di ala utilizzati per hackle

Testa        Seta arancione

Spesso nel mese di aprile e maggio

Il più efficace hackle per le mosche artificiali

Parlando con un amico della Romania su piume per le mosche. So che sta crescendo gallo in particolare per raccogliere le loro piume per le mosche artificiali e gli chiesi di farmi un breve riassunto di qualche hackle che merita attenzione di pescatori a mosca,da efficienza hanno dimonstrato in tempo.

,, Tutto ciò che sentiamo dal vecchio pescatori a Mosca, che conta la maggior parte delle penne con la concezione di un artificiale con successo.

La maggior parte della legatoria utilizzando piume da negozi di profilo, marchi più o meno qualitativa e si vede in loro prezzo più basso e molto alto. Ci sono inoltre pescatori che si legano le loro artificiale con le piume ottenuti da galli cresciuti oltre a casa. Così ottenuti sono piume famosi galli di Leon, ma anche di varietà ornamentali, aumentato per mostre e concorsi,come varietà Plymouth –colore grizzly, Rhode Island-colore marrone, Chabo – penne strette in vari colori, ecc.

Una categoria molto speciale, e molto difficile trovare l’ignoto galli piume Limousin, sollevato dai francesi,o da una varietà di galli Indio,sollevato dai spagnoli.In Romania sono conosciuti come”gallo di piume o di gallo pallidi”e crescere almeno un secolo,a tempo di occupazione di impero austro-ungarico.

Piume di questi galli non solo soddisfano le qualità speciali di galleggiabilità, flessibilità e trasparenza, ma il colore è il dettaglio che rende il pesce ad attaccare quando vedono. Dice che non importa il corpo di  mosche,se tale di piume, Mosca sarà la cattura di pesci.

Descrizione di piume, è difficile da fare, perché hanno un colore indefinito, su un blu-grigio, sono piccoli spruzzi di colore ambra. Certo, a seconda della linea, vi è una più ampia gamma di colori,che passa dal bianco sporco al nero. I più popolari sono le tonalità di grigio,con fine iridescente dorata e il rame.

Così si lascia ancora immagini parlano e io tornerò i dettagli nel prossimo articolo. “

 

Testo e foto: Florin Ghimisliu

http://www.ghimi.com

 

 

 

 

            Discutam cu un amic din Romania pe tema penelor pentru muste. Stiu ca el creste cocosi special pentru a recolta penele lor pentru mustele artificiale si l-am rugat sa-mi faca un scurt rezumat despre niste hackle care merita atentia muscarilor, prin eficienta de care au dat dovada in timp.

 

 

,, Tot auzim la batranii pescari la Musca, ca penele conteaza cel mai mult in conceptia unei artificiale de succes.

Majoritatea legatorilor folosesc pene din magazinele de profil, marci mai mult sau mai putin calitative, si asta se vede in pretul lor mai mic sau foarte ridicat. Sunt insa si pescari care isi leaga mustele cu penele obtinute din  cocosii crescuti pe langa casa. Astfel, sunt celebre penele obtinute din cocosii de Leon, dar si ai unor rase de ornament, crescute pentru expozitii si concursuri, precum  rasele Plymouth – culoare grizzly, Rhode Island – culoare maron, Chabo – pene inguste in diverse culori, etc.

O categorie cu totul aparte, greu de gasit si destul de necunoscute sunt penele cocosilor Limousine, crescuti de francezi, sau cele ale cocosilor din varietateaIndio, crescuti de spanioli. InRomaniasunt cunoscuti sub denumirea “cocos de pene sau cocos nisipiu” si se cresc de cel putin un secol, din vremea ocupatiei austro-ungare.

Penele acestor cocosi nu numai ca intrunesc calitati deosebite de flotabilitate, elasticitate si transparenta, insa culoarea lor este detaliul care face ca pestii sa inebuneasca cand le vad. Se spune ca nu conteaza corpul mustei, daca are o astfel de pana, Musca va prinde peste.

Descrierea unor astfel de pene este greu de facut, deoarece au o culoare nedefinita, pe un fond albastru-cenusiu, au mici stropi de culoare aramie. Desigur, functie de linie, exista o paleta mai larga de nuante, ce trece de la alb murdar si pana la negru. Cele mai cautate sunt cele in nuante cenusii, cu fine irizatii de la auriu si pana la aramiu.

Asa ca voi lasa in continuare imaginile sa vorbeasca si voi revenii cu detalii in urmatorul articol.”

 

 

 

 

 

 

 

 

Text si foto: Florin Ghimisliu

 

O ora la clean

 Ieri am trecut cu bicicleta peste pod si am vazut ca insfarsit au iesit clenii la soare.Asa ca am pedalat repede pana acasa,am luat vesta si batul din cui si hai la rau.

E cald,sunt aproape 20 de grade,intr-un vad in apropiere de pod puzderie de cleni sunt iesiti la soare(sa fi fost asa multi pe raul Doamnei…….).Pun repede un lider de 2,8 metri cu tipetul de 0,14 si un PT lansez musca usor la vale si in curand prind primul clean.Nu sunt mari,stiu din anul trecut ca majoritatea au dimensiuni cuprinse intre 15 si 25 de cm,abia spre jumatatea verii apar exemplarele mai rasarite,unii dintre ei putini cei drept,depasesc 45 de cm.

Am pescuit aproximativ o ora,timp in care am prins cativa cleni la diferite nimfe.Cele mai prinzatoare au fost Pheasant Tail si Killer Bug,nimfe ce pana la urma le-am pescuit in tandem asa mergand cel mai bine.

Valle Staffora

Oggi 26 febbraio inizia la pesca alla trota nelle acque Italiene.Ho deciso di andare a pescare nella parte superiore del fiume Staffora.La Rivanazzano vedere che il fiume a monte del ponte da parte dei pescatori sono già presenti, segno che il fiume era portato trota iridea.

Anche se la tentazione di pesce vicino la casa era grande, abbiamo deciso di continuare il mio cammino verso la Santa Margherita di Staffora, dove spero di trovare trote fario selvatica.

Ho avuto alcune informazioni tratte da un articolo trovato su un sito il comune di Varzi, http://www.varziviva.net/apescatori.htm, il tempo era bello così abbiamo tutto il diritto di essere fiduciosi e sperare in una uscita di successo.

Dall’altra parte del fiume alla confluenza con  torrente Montagnola, l’acqua era torbido monte da qui, ma era chiaro.

Qui mi sono fermato prima e ho esplorato tutta l’area fino al vicino Fego. Perché non volare assolutamente nessun insetto,ho pescato a ninfa hanno diversi modelli di Pheasant Tail e la versione  Hare’s Ear.

Ma non avevo presentazione, anche io non riuscivo a vedere le trote così ho scalato la valle cercando in luoghi diversi che riteniamo promettente.

Finalmente abbiamo raggiunto Pianostano in cui abbiamo deciso di fermarci. Non mi sorprende l’inattività di pesce, è ancora febbraio. Ma sono sorpreso che non abbiamo visto o addirittura spaventare una trota che si dice di essere presente in queste acque.

Torneremo a caldo, magari poi mi occuperò e la trota.

Valle Staffora

Astazi 26 februarie incepe sezonul de pescuit la pastrav in apele Italiene.Am decis sa ies la pescuit in partea de sus a raului Staffora.La plecarea din Rivanazzano observ ca pe rau in amonte de pod sunt deja prezenti pescarii,semn ca in rau au fost adusi pastravi curcubeu.

Desi tentatia de a pescuii langa casa era mare am decis sa imi continui drumul catre Sfanta Margherita de Staffora, unde speram eu sa gasesc pastravi Fario salbatici.

Aveam ceva informatii luate dintr-un articol gasit pe un site al comune di Varzi, http://www.varziviva.net/apescatori.htm,timpul era frumos asa ca aveam tot dreptul sa fiu increzator si sa sper la o iesire reusita.

Pe tot cursul raului pana la confluenta cu paraul Montagnola,apa era tulbure,de aici insa in amonte era limpede.

Aici am oprit si eu prima oara si am tatonat intreaga zona pana in vecinatatea localitati Fego.Pentru ca nu zbura absolut nici o insecta,am pescuit cu nimfa,diferite modele de Pheasant Tail si o varianta de Hare’s Ear.

Nu am avut insa nici o prezentare,nici macar nu am reusit sa vad vreun pastrav asa ca am urcat pe vale incercand in diferite locuri pe care le consideram promitatoare.

In cele din urma am ajuns la Pianostano unde am decis sa ma opresc. Nu m-a mirat lipsa de activitate a pestilor,e totusi febroarie. Ma surprinde insa ca nu am reusit sa vad sau sa sperii macar un singur pastrav despre care se spune ca ar fi prezenti in aceste ape.

Am sa revin cand se va mai incalzi,poate atunci am sa vad si pastravi.